La Nascita della nostra storia Lionistica “1953-1962″

Il 1953 fu l’anno d’esordio del club con alla guida il primo presidente:
Pippo Pinetti.
Fu però Nino Zucchelli* a caratterizzarsi per due iniziative nei primi 365 giorni di vita del Club. La prima la pubblicazione di un libro sui Lions Clubs d’Italia.
La seconda, quando fece presente il grave stato di necessità in cui si trovava l’Istituto Sordomuti di Bergamo. Nel giro di tre mesi – secondo la fi losofi a lionistica di non aspettare di ricevere qualcosa dalla comunità,ma di dare qualcosa alla stessa – venne raccolta la somma per l’acquisto di un apparecchio audiofonostroboscopico indispensabile per l’educazione alla parola dei piccoli sordomuti.
L’anno sociale 1954-55 vede il passaggio di consegne tra Pippo Pinetti (che viene nominato Vicegovernatore) e Adolfo Castelli. I Lions Clubs crescono su tutto il territorio nazionale ed aumentano i contatti tra quello bergamasco e quelli all’estero. Enrico Legler visita a Chicago la sede dei Lions International Clubs, mentre Pippo Pinetti, Gianfranco Sassi ed Emilio Lombardini incontrano Melvin Jones nell’Illinois. Sempre in quell’anno entrano a far parte del Club sei nuovi soci: Catani, Moretti, Reggiani, Vicentini, Vizzardi e Niggeler.
L’attività sociale viene svolta tra riunioni conviviali e manifestazioni nell’ambito cittadino, provinciale, nazionale ed estero, spaziando nei campi più svariati, dalle relazioni culturali alle opere benefi che e di interesse pubblico.Tra queste vanno ricordate le opere di solidarietà umana come le offerte a favore degli alluvionati del Salernitano ed a favore delle bimbe dell’Istituto “Mater Dei” in occasione del Natale. Particolare successo ottiene la “Festa d’Autunno” al Castello di Malpaga (ottobre 1954) nata da una iniziativa dei soci Pinetti, De Agostini e Legler.L’iniziativa rappresenterà per molti anni una delle più tipiche manifestazioni Lions.Tra le manifestazioni da segnalare la partecipazione dell’arch. Pinetti ad una riunione di presidenti e delegati ad Alassio, ed al congresso internazionale di Atlantic City con Sassi e Lombardini. Di più spiccato carattere di relazione interclubs, sono state quelle che hanno visto la presenza del Lions Bergamo al raduno di St. Moritz ed al ricevimento del Presidente internazionale a Venezia.